Currently browsing category

Reprint

Mulberry Street, Little Italy, New York, primi del '900

IL FASCISMO E L’EMIGRAZIONE NEGLI STATI UNITI

di Michele Strazza – Mussolini voleva fare dei nostri emigranti i portabandiera della nuova Italia. Ma una volta raggiunto il potere, il fascismo ebbe verso l’emigrazione – soprattutto negli Stati Uniti – atteggiamenti molto diversi. La nascita della Casa di Cultura italiana a New York contribuì a veicolare la propaganda …

De Gaulle ad Algeri dopo aver pronunciato il suo enigmatico “Io vi ho capito!”

OBIETTIVO DE GAULLE: L’ATTENTATO DEL PETIT-CLAMART

di Roberto Poggi – Il 22 agosto 1962 il presidente francese Charles de Gaulle sfugge miracolosamente a un doppio attentato alle porte di Parigi. Chi sono gli esecutori? Chi i mandanti? Il cerchio attorno al commando si chiude nel giro di poche settimane. Nella rete finisce tutta la struttura organizzativa, …

Club patriottico femminile nel 1791.

1789-1793, LE SPERANZE DELUSE DELLE FEMMINISTE FRANCESI

di Sebastiano Granata – Con la rivoluzione francese le rivendicazioni di parità ed emancipazione delle donne furono oggetto di ampio dibattito. Ma la cosà, in realtà, non andò oltre l’approccio teoretico. La sostanziale impopolarità del femminismo, ma anche i suoi errori e il dogmatismo dei suoi oppositori contribuirono a metterne …

L'SM-75 a Tokyo

GIUGNO 1942: IL RAID SEGRETO ROMA-TOKYO

di Alberto Rosselli – Nel 1942 un velivolo italiano comandato dal tenente colonnello Antonio Moscatelli riuscì a violare il blocco anglo-americano che aveva isolato il Giappone dalle potenze dell’Asse. E l’impresa suscitò l’invidia tedesca… (Da Storia in Network n. 84, ottobre 2003) Nel corso del secondo conflitto mondiale le Forze …

Catena di montaggio della Ford negli anni Dieci

L’INGEGNER TAYLOR, INVENTORE DELL’UOMO MACCHINA

di Giorgio Scudeletti – Cento anni fa moriva lo “scienziato del lavoro”, colui che introdusse nelle industrie statunitensi il metodo produttivo basato sulla funzionalizzazione degli operai. (Da Storia in Network n. 115, maggio 2006) “Mettere il cervello dell’operaio sotto il cappello dell’ingegnere” fu uno dei motti con i quali Frederick …

La morte di José Martí in dipinto di Esteban Valderrama (1917)

JOSÉ MARTÍ, IL RIVOLUZIONARIO CHE NON AMAVA LE RIVOLUZIONI

di Carlo Federico Batà – Scrittore, poeta e leader del movimento per l’indipendenza cubana, sognava un Paese emancipato dal controllo della Spagna ed estraneo all’influenza degli Stati Uniti. (Da Storia in Network n. 75, gennaio 2003) L’Avana, venerdì 28 gennaio 1853. Al numero 41 di calle de Paula, vicino al …

C__pia de t Burma _13_

I “SAMURAI” CHE NON VOLLERO ARRENDERSI

di Alberto Rosselli – L’epopea dei molti soldati nipponici che, finito il secondo conflitto mondiale, decisero di non arrendersi e di continuare a battersi per l’Imperatore contro gli Alleati. (Da Storia in Network n. 75, gennaio 2003) Dopo la firma della resa giapponese del 2 settembre 1945, nei vasti territori …

1280px-Placer_Mining,_Brown's_Flat,_Tuolumne_County,_from_Robert_N._Dennis_collection_of_stereoscopic_views

“ORO, ORO, ORO!” E COSÍ NACQUE LA CALIFORNIA

di Matteo Sommaruga – Nel 1848 un giornale statunitense diede la notizia: “vicino a San Francisco trovate scaglie del nobile metallo”. Partirono in migliaia in una folle corsa all’oro. Due anni dopo venne costituito il 31° stato degli USA (Da Storia in Network n. 51, gennaio 2001) Quando il 15 …